Cane maltrattato e gettato in mare: caccia al colpevole del gesto brutale [IMMAGINE FORTE]

Una scena davvero orrenda si è presentata davanti agli occhi di un ragazzo che stava passeggiando sulla spiaggia con il proprio cane: una carcassa di un cane maltrattato è stata rigettata dalle acnque del mare. I dettagli della tragedia sono ancora da chiarire ma è caccia al colpevole del brutale gesto.

Un ragazzo stava passeggiando con il proprio cane sulla spiaggia di Cefalù, in Sicilia, quando si è trovato davanti agli occhi una scena davvero straziante: le onde del mare hanno rigettato il corpo senza vita di un cane brutalmente maltrattato e ucciso, prima di disfarsi della carcassa gettandola in acqua. L’animale era di taglia grossa, più precisamente di razza alana, di colore nero con alcune macchie bianche sul muso e sul petto ed era imbavagliato con un collare di ferro: il cane, inoltre, era incappucciato e presentava dei segni di maltrattamento.

Avvertite le autorità della Capitaneria di Porto si è poi scoperto che l’animale non aveva il microchip e che per questo motivo è ancora più difficile risalire al proprietario: questo non ha impedito la caccia al colpevole del gesto brutale. Per il momento non si è riusciti a chiarire se quest’atto di crudeltà sia stato determinato dalla volontà di sbarazzarsi dell’animale oppure sia stato una bravata di qualche giovane senza motivo.

Resta il fatto che è scattata una vera e propria caccia al mostro di Cefalù poichè un gesto del genere non può rimanere impunito. La macabra scoperta ha fatto si che un’indagine venisse aperta e ora si cerca il colpevole: è bene ricordare che chi abbandona un animale rischia fino a 12 mesi di carcere e una multa che va dai 1000 ai 10000 euro; mentre per chi è responsabile della soppressione si può arrivare fino a 3 anni e 18 mesi di prigione. Se non volete più tenere il vostro cane, esistono molte opzioni per far si che l’animale viva una vita serena e piena d’amore: cercate altre soluzioni perchè con poco si può donare una seconda occasione.

Photo Credits Facebook

 

Commenti

comments