Il gatto Romeo è scappato da casa: abituato all’ospedale cerca di tornarci

Il gatto Romeo è fuggito dalla sua nuova casa. Secondo l’infermiera che lo ospitava sta cercando di tornare all’ospedale di Sanremo

Il gatto Romeo è scappato da casa: abituato all’ospedale cerca di tornarci

Romeo ha vissuto 10 anni all’ospedale di Sanremo. Poi, come vi abbiamo raccontato qualche giorno fa, è stato mandato via dall’amministrazione. Un gatto in una struttura di cura non dovrebbe stare. Almeno questo è quando sostenuto dalla dirigenza. Poi, però, dopo tanta sfortuna, una cosa buona era arrivata: una casa vera per Romeo, insieme a una delle infermiere che in questo tempo si era occupata di lui. Tutto bene quel che finisce bene? Non proprio. Infatti, poche ora fa su Facebook è stato lanciato un appello: Romeo è scappato e molto probabilmente sta cercando di ritornare all’ospedale.

Il gatto Romeo sta tornando nella sua vera casa

D’altronde, come pensare che un micio capisca le problematiche burocratiche nate intorno alla sua vicenda, lui vuole solo stare dove è sempre stato: “È in viaggio verso casa, da Verezzo verso l’ospedale – si legge sul social – Manca da diverse ore da dove era ospitato. Vi prego aiutiamolo”. Per il micione, che per molti impiegati dell’ospedale sanremese era una specie di “collega”, si erano già mobilitate anche diverse associazioni.

Una petizione online

Inoltre, sulla piattaforma Firmiamo.it era nata la petizione per chiedere all’Asl di riportare Romeo tra le corsie. “Per chi frequenta spesso, purtroppo, l’ospedale Borea di Sanremo – ha spiegato la promotrice dell’iniziativa, Denise Guaragno – il gatto Romeo era diventato un amico e una presenza lieta e la mascotte dell’ospedale. Da più di dieci anni il micio gironzolava tra il pronto soccorso e la portineria, ricevendo carezze e facendo le coccole a tutti, dando un po’ di sollievo e affetto a chi si trovava in ospedale per qualche brutto motivo. La sua presenza era ricostituente per i pazienti: una pet therapy apprezzata da tutti”. Speriamo solo che ora possa essere ritrovato.

Photo Credits Facebook