Ritrovamento shock a Radicofani: trovati due lupi impiccati per strada

L’ennesima barbara esecuzione ha sconvolto gli abitanti di Radicofani, un piccolo comune in provincia di Siena: sono stati trovati due esemplari di lupo impiccati, appesi al cartello d’ingresso del paesino. Legambiente prende le distanze e condanna con forza il gesto.

Ritrovamento shock a Radicofani: trovati due lupi impiccati per strada

Ci troviamo di fronte all’ennesima barbarie, l’ennesimo atto brutale ai danni di due poveri animali che nulla hanno potuto fare di fronte alla crudeltà dell’uomo. Il piccolo comune di Radicofani è stato sconvolto da un’esecuzione terribile: due esemplari di lupo sono stati impiccati e lasciati appesi al cartello d’ingresso del paesino in provincia di Siena. Inutile sottolineare lo sgomento e la rabbia degli abitanti di fronte a tanta violenza senza motivo.

“Ancora una volta ci troviamo a prendere le distanze da un episodio molto grave condannando senza se e senza ma questo gesto sconsiderato e illegale. Ribadiamo per l’ennesima volta che l’unica strada percorribile è quella di lavorare tutti insieme per trovare delle soluzioni condivise”, ha dichiarato un portavoce di Medwolf, il progetto nato per migliorare le condizioni di vita dei lupi nelle aree mediterranee. Anche Legambiente prende le distanze da questa barbarie: “Chiediamo agli allevatori di condannare, ancora una volta, questa brutale e vigliacca uccisione che può solo peggiorare la situazione”.

Angelo Gentili, segretario di Legambiente, ha continuato: “Così non si risolvono i problemi delle predazioni ma anzi si creano squilibri nei branchi, come confermano anche studi scientifici, portando a un aumento delle predazioni sugli animali domestici, più attaccabili rispetto a quelli selvatici. Ci affidiamo all’intervento delle Forze dell’Ordine per intervenire fortemente sull’accaduto scoraggiando definitivamente questi gesti barbari”. Trovare i responsabili del terribile gesto non sarà sicuramente facile ma il sindaco di Radicofani fa sapere che le autorità sono già all’opera per trovare gli artefici dell’esecuzione e sottolinea che solo lavorando insieme si può trovare una soluzione alla situazione.

Photo Credits Facebook