Dalila Di Lazzaro e il suo gatto centenario [FOTO]

Dalila Di Lazzaro parla del suo Domenico, un gatto di 22 anni, che è diventato parte della sua famiglia e che l’ha aiutata nei momenti difficili

Dalila Di Lazzaro e il suo gatto centenario [FOTO]

Nel 1977 recitò nel film Il Gatto di Luigi Comencini, con Ugo Tognazzi e Mariangela Melato. Dopo 40 anni un gatto è di nuovo tra i protagonisti della vita di Dalila Di Lazzaro, in particolare della sua ultima fatica letteraria, in uscita a breve. Ne La vita è così. Passioni e virtù per uscire dalla crisi, la sessantaquattrenne attrice friulana ripercorre la sua vita professionale e privata, svelando le strategie usate per uscire dai momenti di crisi, che hanno tra i protagonisti anche i suoi due animali, un cane e un gatto: Happy e Domenico.

Sono la sua pet therapy

“I due, Domenico e Happy, si sono amalgamati e sono diventati la mia pet therapy”, ha raccontato al Corriere della sera. Quando il gatto Domenico, oggi 22 anni, è entrato nella sua vita, Dalila Di Lazzaro aveva appena adottato un Labrador, ma la convivenza non è mai stata un problema, anzi. I due animali sono stati di grande supporto all’attrice e scrittrice per superare molti momenti difficili, come la prematura scomparsa del figlio ventiduenne e il grave incidente che l’ha costretta a una lunga convalescenza. “Solo le bestiole hanno una tale purezza d’animo — ha detto la Di Lazzaro — Ogni persona sola, soprattutto se anziana, dovrebbe poter avere un cane o un gatto con cui dividere la propria esistenza. Amo molto i cani, più dei gatti”.

I gatti prima di Domenico non le piacevano troppo

Però Domenico ha conquistato il cuore di Dalila e ormai sono una famiglia. “Quando Happy è morto, non ero solo io a svegliarmi nottetempo e andare a vedere la cuccia, vuota. Anche lui era spaesato. Dormivano sempre insieme. Il giorno in cui Happy se ne è andato, è stato il micio a venire a svegliarmi e a graffiare la porta della mia stanza per richiamare l’attenzione. Happy non era nella sua cuccia. Si era trascinato verso la porta di casa per morire, forse avrebbe voluto poter uscire”.

Photo Credits Facebook