Matilde, la cagnolina abbandonata per la strada: salva grazie ad un’automobilista

L’incredibile storia, per fortuna a lieto fine, di una cagnolina abbandonata sul ciglio della strada subito dopo aver partorito i suoi cuccioli: ora è sana e salva grazie all’aiuto di una donna che si è fermata per soccorrerla.

Matilde, la cagnolina abbandonata per la strada: salva grazie ad un’automobilista

Stava viaggiando alla guida della sua auto nella periferia romana, quando ha notato qualcosa di strano sul ciglio della strada. L’attenzione della donna è stata catturata da un piccolo cane che si trovava riversato sulla carreggiata tutta solo. Inizialmente l’automobilista ha pensato che si trattasse dell’ennesimo animale vittima della strada ma poi ha sentito i lamenti e ha deciso di fermarsi per controllare le condizioni dell’animale.

In un primo momento la donna ha pensato che il cagnolino fosse scappato e che qualcuno lo stesse cercando, ma poi si è resa conto che non si trattava di un maschio ma di una femmina e che la cagnolina stava soffrendo. Non trovando nessuno a cui chiedere, la donna si è rivolta ad una prostituta che si trovava poco lontano e ha scoperto che lei si era accorta della presenza dello sfortunato animale e che era stata l’unica ad aiutarla donandole una maglia arrangiata come coperta.

Purtroppo però le brutte scoperte non sono finite qui: parlando con la prostituta, la donna si è resa conto che la cagnolina aveva partorito da poco ma vicino a lei non c’era nessun cucciolo, segno che i suoi piccoli purtroppo non ce l’avevano fatta. I padroni dell’animale l’avevano abbandonata sul ciglio della strada dopo che l’animale aveva partorito, mettendo l’animale a rischio della vita: la cagnolina, infatti, era piena di latte e aveva urgente bisogno di essere visitata da un veterinario. Per fortuna il su angelo custode l’ha portata con se e le ha fatto avere tutte le cure necessarie: ora Matilde, questo il nome scelto per lei, è in perfetta salute e aspetta un padrone capace di donarle amore e tranquillità.

Photo Credits Facebook