Salva cani randagi come missione di vita: la storia di Tamara Johnston

Tamara Johnston, un’australiana che vive in Thailandia, salva cani randagi, togliendoli dalla strada. Ha un sogno: aprire una clinica

Salva cani randagi come missione di vita: la storia di Tamara Johnston

Una vita spesa per salvare i cani dalla strada. È la storia di una donna australiana, Tamara Johnston, che vive a Songkhla, in Thailandia, dove fa l’insegnante. La donna ha raccontato la sua esperienza in favore dei 4 zampe al sito The Dodo. Tutto è iniziato con Bella, un cucciolo di 4 settimane che vagava intorno a un tempio. Lei l’ha notata, e ha avuto subito chiaro in mente che doveva aiutarla. La piccola non sembrava avesse una mamma o qualcun altro che si prendesse cura di lei.

“Probabilmente sarebbe stata uccisa da un’auto se fosse rimasta lì – ha detto la Johnston – Sarebbe stata investita da un’auto o si sarebbe stata ben presto ammalata“. La decisione è stata quella di portarla a casa e adottarla. Dopo Bella, Tamara ha iniziato a prendersi cura di molti pelosi che avevano bisogno, in quanto affamati, malati o trascurati. Ovunque guardasse, c’era un peloso in difficoltà.

Una donna che salva randagi

“Nei paesi occidentali, abbiamo rifugi, soldi e vari centri di soccorso – ha continuato – Qui, invece, sono molto pochi e lontani tra loro”. A Songkhla c’era un rifugio per cani ma era orribile, in quanto, ha spiegato ancora la donna, “non ci sono fondi per il riparo il tasso di mortalità è elevatissimo”. Così, la Johnston ha iniziato a prendere i randagi in casa sua, dando loro cibo, un posto sicuro per dormire e una cura veterinaria adeguata. Ha anche cercato di trovare famiglie che volessero adottarli, molte delle quali addirittura negli Stati Uniti. E quando c’erano cani che non poteva portare con sé, si assicurava che avessero cibo e tutte le necessarie cure veterinarie. Poi, la gente del posto ha cominciato a interessarsi al problema e ad avvicinarsi a lei. “Prima le persone mi scattavano foto e ridevano, invece di offrire una mano – ha proseguito – I veterinari il più delle volte non erano utili o responsabili. Così, al di là del mio lavoro effettivo di salvataggio e cura, dovevo anche affrontare tanti ostacoli esterni che rendevano il mio operato ancora più difficile. Ma sono sempre stata determinata e non ho mai rinunciato “.

In casa di Tamara ci sono 38 cani

Attualmente la Johnston possiede 38 cani in casa sua, e si occupa anche di circa 50 di quelli in strada e ha deciso di avviare ufficialmente un gruppo di soccorso chiamato Thai Street Paws. Un giorno, spera, di poter costruire una clinica dove offrire sterilizzazioni e altri servizi veterinari di base. “So che non posso salvare ogni singolo cane, ma voglio aiutare tutti quanti posso – ha concluso – È per questo che continuo a stare qui. Voglio fare la differenza”.

Photo Credits Facebook