Polpo gigante divora una medusa [VIDEO]

Un gruppo di ricercatori della Monterey Bay Aquarium è riuscito ad osservare da vicino un rarissimo esemplare di polpo a sette tentacoli (Haliphron atlanticus) mentre divorava una medusa (Phacellophora camtschatica). Durante una ripresa video il team di ricercatori ha fatto una scoperta incredibile.

L’Haliphron atlanticus è una delle più grandi specie di polpi mai studiati dagli etologi. Questi animali, che possono raggiungere i quattro metri di lunghezza e i 75 kg di peso, sono molto difficili da osservare poiché vivono negli abissi. Vengono chiamati anche “polpi dai sette tentacoli” per un motivo meramente ottico. I maschi possiedono l’ectocotile (una sorta di tentacolo usato per fecondare le uova). Questo tentacolo, oltre ad essere composto da un tessuto gelatinoso e trasparente, è arrotolato all’interno di una tasca al di sotto dell’occhio destro e per questo motivo dà l’impressione che il polpo abbia soltanto sette tentacoli, mentre invece ha le stesse caratteristiche fisiche di altri suoi simili.

Di recente, un gruppo di ricercatori del Monterey Bay Aquarium ha avuto la fortuna di osservarne un esemplare a largo delle coste californiane grazie ad un robot telecomandato. Il team ha sorpreso il polpo mentre mangiava una medusa (Phacellophora camtschatica). nota anche come “medusa a tuorlo d’uovo.” Ciò che ha attirato l’attenzione dei ricercatori è stato il modo in cui il polpo ha divorato la preda, conservando i suoi tentacoli urticanti, che possono restare tali anche dopo la morte.

In pratica il polipo, che ha un metabolismo lento, ha ucciso la medusa e se n’è nutrito lentamente, portando con sé come appendice i suoi filamenti urticanti allo scopo di usarli per difendersi da altri predatori. Esistono anche altre specie di polpi che usano questa stessa tecnica di difesa, come ad esempio i Tremoctopus che tendono a trascinare le caravelle portoghesi (Physalia physalis) dotate di tentacoli molto urticanti, ma è la prima volta che un simile comportamento è osservato negli esemplari di Haliphron atlanticus.

Photo Credits: Twitter