Un’agghiacciante scoperta in aeroporto [VIDEO]

All’aeroporto di Bangkok gli addetti alla sicurezza hanno scoperto che una donna trasportava un cucciolo di tigre nella sua valigia. Il piccolo, che ha rischiato di morire, è stato sequestrato ed è ora in salvo.

Spesso la realtà supera ogni immaginazione. Sicuramente devono aver pensato questo gli addetti dell’aeroporto di Bangkok, dopo aver scoperto il contenuto della valigia di una donna in viaggio dalla Tailandia verso l’Iran. Gli agenti della dogana avevano percepito strani suoni provenire dal bagaglio della passeggera e dopo averlo aperto sono rimasti senza parole: insieme agli abiti e agli effetti personali della donna, vi era un cucciolo di tigre. Il piccolo, di circa tre mesi, stava per soffocare e sono stati proprio i suoi lamenti ad attirare l’attenzione del personale di sicurezza.

Dopo l’incredibile scoperta, la donna è stata arrestata e il cucciolo è stato affidato ad un centro specializzato per la cura degli animali della sua specie. Il Direttore della Wildlife Health Unit presso il Dipartimento del National Parks’ Wildlife and Plant Conservation Center ha dichiarato: Quando è arrivato appariva debole, disidratato e non riusciva a camminare, gli abbiamo dovuto somministrare ossigeno e lo abbiamo allattato. Lo abbiamo tenuto sotto stretto controllo e ora sembra che le sue condizioni stiano migliorando. Il test del DNA fornirà dettagli fondamentali per identificare la sua provenienza.

La donna rischia fino a quattro anni di galera e una pesante ammenda pecuniaria per maltrattamento di animale e per aver violato le leggi che tutelano le specie protette. Le tigri sono particolarmente a rischio, perché negli ultimi anni il loro numero in Asia è notevolmente diminuito a causa dei traffici illegali di pelle e di parti del loro corpo che vengono utilizzate nell’industria farmaceutica e per la realizzazione di souvenir, fabbricati soprattutto in Cina. È molto importante dunque, per la salvaguardia della specie, che le leggi sulla conservazione delle specie esotiche siano applicate nella maniera più rigida possibile.

Photo Credits: Facebook/YouTube