Efferato delitto tra scimpanzé per la lotta al potere [VIDEO IMMAGINI FORTI]

È stato reso pubblico da un gruppo di primatologi un video in cui uno scimpanzé, ex capobranco, viene ucciso e cannibalizzato dai suoi gregari.

Anche nel mondo animale esistono gerarchie e lotte di potere, in particolare tra i primati. Tra gli scimpanzé persino l’esemplare più temuto e rispettato come il maschio Alfa di un branco può essere destituito in modi orribili e violenti. A testimoniarlo è un filmato realizzato da un team di primatologi che mostra un gruppo di scimpanzé mentre uccide barbaramente un ex capobranco, soprannominato FoudoukoStare a guardare è stato davvero duro – ha raccontato Jill Pruetz, antropologa della Iowa State University e coautrice della ricerca Sono rimasta sotto shock per almeno tre giorni: era come se avessi perso un amico.

Qualche anno prima Foudouko era il leader di circa 30 scimpanzé e tutti si sottomettevano a lui. Ad un tratto non fu più sostenuto dal suo più grande alleato e un gruppo di giovani scimpanzé lo costrinse ad esiliare lontano dal branco. Come testimoniato dai primatologi che hanno seguito il caso, l’ex maschio Alfa sembrava essere scomparso, ma, a distanza di nove mesi fece ritorno, cercando di avvicinarsi al nuovo leader, senza successo. Per circa cinque anni Foudouko ha vissuto da emarginato rispetto al gruppo, fino a quando non è stato ucciso e perfino cannibalizzato dai suoi ex gregari, che gli hanno strappato la gola e i genitali a morsi.

Secondo i ricercatori, la causa scatenante del cruento tirannicidio è stato l’avvicinamento di Foudouko ad una femmina in calore, che ha generato una forte competizione con il resto dei maschi. Le uccisioni intragruppo sembrano essere motivate dalla competizione per l’accoppiamento: sono soprattutto maschi che uccidono altri maschi – spiega uno dei ricercatori – C’è abbondanza di segnali di competizione, le uccisioni sono solo eventi estremiSolo dopo che il branco si è allontanato, i primatologi sono riusciti a seppellire il corpo di Foudouko, ormai completamente smembrato.

Photo Credits: Twitter