Lhasa Apso: il cane del Dalai Lama

La razza canina Lhasa Apso è ha origini tibetane antichissime, la cui caratteristica è il pelo lunghissimo e liscio. È un cane di piccola taglia ma è un ottimo guardiano.

La razza canina Lhasa Apso ha origine in Tibet, in concomitanza con l’avvento del Buddismo nel V secolo a.C., e deriva dall’unione del Tibetan Spaniel e del Tibetan Terrier. Si tratta di un cane molto rispettato dal popolo tibetano e per secoli è stato a stretto contatto con il Dalai Lama, sia perché considerato portafortuna, sia perché faceva da guardiano al luogo sacro in cui veniva accolto. Questa razza appartiene al Gruppo FCI 9 (cani da compagnia e toy), come il Cavalier King Charles Spaniel, Maltese, Bichon Frise, Bolognese e il Pechinese.

ASPETTO

Il tratto distintivo di questa razza è senza dubbio il doppio mantello dal pelo liscio e lungo che copre gli occhi e il resto del corpo fino a cadere a terra. Il pelo può essere color miele, nero, bianco e marrone o in varie sfumature di queste tonalità. L’altezza di questi cani non supera i 25 cm, il corpo è ben proporzionato, la testa è leggermente stretta, la coda è alta, gli occhi di media grandezza sono scuri e le orecchie sono pendenti con delle frange di pelo.

CARATTERE

Si tratta di un cane molto intelligente e giocoso. Di norma i Lhasa Apso tendono ad essere un po’ diffidenti con gli estranei e per questo motivo è importante che socializzino con l’uomo sin da piccoli. È un cane dalla personalità molto forte e, nonostante le sue piccole dimensioni, è un ottimo cane da guardia.

SALUTE E CURA

I Lhasa Apso sono particolarmente soggetti alla displasia dellanca e a problemi renali ereditari, che possono comportare anche gravi problemi di metabolismo osseo.

CURIOSITÀ

La parola “Lhasa Apso” deriva dall’unione di “Lhasa”, che è la città sacra tibetana della Regione autonoma dello Xizang, e “Aspo”, ossia una capra tibetana dal manto simile a quello di questi cani.

Photo Credits: Twitter