Animali orfani formano la loro nuova famiglia: l’amore supera le differenze [FOTO]

Cos’è una famiglia? È il posto in cui ci si sente amati e compresi, anche quando le differenze sono tante. Proprio come in questa famiglia di animali orfani molto diversi tra loro

Animali orfani formano la loro nuova famiglia: l’amore supera le differenze [FOTO]

Cosa ci fanno insieme un baby bufalo, una piccola zebra e due cuccioli di antilopi? Semplice, una famiglia. Già, può sembrare strano eppure è proprio così, questi piccoli di animali africani si sono messi insieme e hanno dato vita alla loro personale famigliola. I piccoli, infatti, hanno tutti una cosa in comune: hanno perso le loro mamme e si sentivano soli al mondo. Poi, però, sono stati salvati dal centro di recupero David Sheldrick Wildlife Trust (Dswt) in Kenya e le cose hanno iniziato a migliorare.

Ngulia, la zebra, è stata la prima ad arrivare. “Ngulia era una vittima di chi specula sulla carne degli animali selvatici – ha detto Amie Alden, del Dswt al sito The Dodo – il che significa che la sua mamma era probabilmente stata uccisa per la carne, e la piccola è stata lasciata in balia di se stessa”. In un primo momento, Ngulia era stata messa in coppia con un altro cucciolo di zebra. Ma quando è arrivato Kore, la prima antilope, tutto è cambiato. “Ngulia è diventata gelosa di Kore – ha proseguito la Alden – Seguiva sempre i custodi quando portavano all’antilope il latte e tentava di bloccare il loro ingresso nel recinto di Kore”.

Nel giro di pochi giorni, però, il loro rapporto è mutato e i due sono diventati praticamente inseparabili. Dopo poco, inoltre, la coppia è diventata un quartetto. Un’altra antilope orfana di nome Tawi e un bufalo di nome Jamhuri si sono uniti a questa famiglia non tradizionale.

animali-1

animali-2

animali-3

animali-4

A quanto pare questo gruppo eterogeneo passa raramente del tempo separato. Anche perché condivide gli stessi interessi: trascorre le giornate pascolando e mangiando erba medica. Sempre insieme, perché è questo l’importante.

Photo Credits Facebook