Medico del pronto soccorso rianima un gatto randagio e poi… [FOTO]

Un gatto randagio stava per morire dopo essere rimasto schiacciato tra le porte di un ospedale. Ma un medico del pronto soccorso lo ha visto e non ha potuto lasciarlo stare

Medico del pronto soccorso rianima un gatto randagio e poi… [FOTO]

Che in Turchia i gatti randagi siano sempre stati trattati bene è cosa nota (LEGGI ANCHE: KEDI, IL FILM SUI GATTI DI ISTANBUL, ESSERI SPECIALI TRATTATI CON ESTREMO RISPETTO), ma quello che ha fatto solo pochi giorni fa un medico del pronto soccorso di un ospedale di Istanbul è a dir poco eccezionale.

Ma andiamo con ordine. Siamo all’Özel Akgün Tem Hospital, centro medico della Capitale turca. Un gatto bianco probabilmente affamato compie un errore che per lui potrebbe rivelarsi fatale: tenta di entrare nella struttura attraverso la porta girevole. Purtroppo, proprio in quel momento, un uomo fa muovere la suddetta porta nel senso inverso e il micio rimane schiacciato tra un pannello di vetro e lo stipite.

Va detto che il “colpevole”, come mostrano i filmati delle telecamere di sorveglianza, si è fermato immediatamente a soccorrere il peloso, ma ormai il danno era stato fatto. Nel video si vede chiaramente il gatto a terra contorcersi dal dolore, mentre attorno a lui anche un dottore del pronto soccorso, Halil Akyurek. “Il collo del micione era completamente bloccato – ha raccontato poi il medico alla stampa locale – Stava sempre peggio e aveva seri problemi di respirazione. Ho messo la mia mano sulla sua nuca e sono riuscito a liberarlo dalla porta. Poi ho deciso di intervenire e ho iniziato a rianimarlo”.

medico

medico-1

L’animale, infatti, è stato ricoverato all’interno dell’ospedale e gli è anche stato dato l’ossigeno. Nel frattempo, Akyurek ha consultato un veterinario per sapere quali farmaci il gatto aveva bisogno, e come applicarli. E le cose per il piccolo randagio sono andate meglio. Molto meglio. Per la ripresa straordinaria, il micio è stato addirittura chiamato Miracle, “miracolo”. E a scegliere il suo nome ha contribuito proprio il professionista, che ha fatto anche di più: ha deciso di adottare il 4 zampe. Se non è un miracolo questo…

Photo Credits Facebook