L’orso polare odia le foto ma non può evitarle: vive in un centro commerciale [VIDEO]

Il commovente video di un orso polare costretto a vivere in un centro commerciale. L’animale è molto sofferente e Animals Asia ha lanciato una petizione per salvarlo

Diciamo la verità, in un giorno come questo, in cui gli esseri umani sono stati duramente messi alla prova dagli attentati di Bruxelles (LEGGI ANCHE: TERRORE A BRUXELLES, ESPLOSIONI ALL’AEROPORTO), noi di Velvet Pets eravamo molto indecisi se postare o meno un video come quello di quest’orso polare e che potete vedere al termine dell’articolo. Perché sappiamo perfettamente che un filmato come questo può scatenare odio e di odio in questo mondo ce ne è già abbastanza. Ma poi, riflettendoci e consultandoci, abbiamo preso una decisione: un video come questo va visto non perché deve scatenare odio, ma perché deve poter cambiare le cose.

Nelle immagini raccolte dall’associazione Animals Asia, infatti, si vede quello che era un magnifico esemplare di orso polare “intrappolato” nel mezzo di un centro commerciale in Cina. Lui vive qui, e funge da attrazione per tutti i clienti che ogni giorno cercano di scattargli foto e di carpirne lo sguardo. Ma il suo sguardo, ormai, non ha più vita. Passa le sue giornate così, sdraiato, inerme. A volte, però, quando cercano di fotografarlo, in preda alla disperazione, colpisce le finestre e bramisce cercando un rifugio che non c’è. Perché l’habitat che è stato creato artificialmente per lui, di naturale non ha niente, come potete vedere voi stessi.

“Non ci sono scuse per intrappolare un animale in questa maniera – ha detto Dave Neale, responsabile del programma Animal Welfare di Animals Asia – Hanno bisogno di molto spazio. Abbastanza per camminare, correre, arrampicarsi e andare a caccia. La lista delle cose di cui avrebbero bisogno è molto lunga ma si può rispondere che l’unica cosa di cui un orso polare ha davvero “bisogno” è vivere libero in natura“.

Se anche voi siete d’accordo con noi e con Animals Asia e volete firmare la petizione cliccate qui.

Photo Credits YouTube