Otto cani domestici avvelenati e morti a distanza di poche ore: caccia al killer

Sono stati ben 8 i cani morti avvelenati a distanza di poche ore a Calvisano, in provincia di Brescia, tra lo sgomento e la rabbia dei proprietari impotenti e dei residenti di zona. A lanciare l’allarme per primo l’Ufficio per i diritti degli animali del Comune che avrebbe anche individuato l’epicentro nella frazione di Mezzane, lungo il fiume Chiese, e nell’area agricola lungo la strada che porta da Calvisano e Isorella. Ma non solo, perché oltre ai cani deceduti, dalle case sarebbero spariti dalle loro case anche molti gatti.

E, purtroppo, tra le povere vittime si segnalerebbero anche diversi randagi, oltre ad animali selvatici come topi, talpe, mustelidi, corvidi e rapaci. Insomma, è evidente di come qualcuno stia disseminando bocconi avvelenati in tutta la zona, anche se il motivo non è chiaro. A Calvisano, infatti, non c’erano mai state lamentele riguardanti i quadrupedi, sia quelli domestici che non. Ma se c’è chi pensa possa trattarsi di un vero e proprio “serial killer”, non si esclude l’ipotesi che ciò che ha ucciso i cani fosse in realtà destinato alle volpi, presenti in grande numero, e pericolose per pollame e selvaggina. Un metodo spesso utilizzato nel bresciano per eliminare i predatori, ma comunque illegale.

Senza contare che è una pratica dal “notevole impatto ambientale, in quanto le carcasse degli animali avvelenati sono pericolose: provocano la morte dei carnivori che se ne cibano“, come ha sottolineato l’Uda (Ufficio per i diritti degli animali, appunto) di Calvisano. Infatti, avvelenare un animale è un reato penale: la legge proibisce e punisce la distribuzione di sostanze velenose e prevede pure la reclusione, da 6 mesi a 3 anni.

Al momento, infine, secondo quanto si legge su Brescia Today i proprietari degli animali coinvolti avrebbero sporto denuncia contro ignoti, ma l’invito per chiunque sappia qualcosa è quello di contattare l’ufficio comunale o via mail (uda@comunedicalvisano.it) oppure al telefono (030.9968353).

Foto by Facebook