Il cane deve essere imboccato: per questo nessuno vuole occuparsi di lui

Possibile che il modo “particolare” di mangiare possa far si che un cane non trovi una casa e una famiglia che gli voglia bene? Purtroppo sì, per Mickey, uno splendido Boxer di 7 anni, questa è la triste realtà. Il suo disturbo di salute gli impedisce di alimentarsi come tutti gli altri cani e per questo i suoi proprietari hanno pensato di abbandonarlo. Non avevano tempo da perdere per aiutarlo.

Il cane deve essere imboccato: per questo nessuno vuole occuparsi di lui

Così, quando è arrivato al rifugio della Humane Society di Lethbridge, in Canada, il cane pesava solo 33 chili (davvero pochi per un esemplare della sua specie) ed era in condizioni assai precarie. I volontari non sapevano se sarebbero riusciti a salvarlo o meno, ma hanno dato il tutto per tutto e, per fortuna, Mickey è ancora con loro. Solo che, adesso, non riesce a trovare una nuova casa. “Il problema è con il suo esofago, che non si contrae correttamente per spingere il cibo o l’acqua verso il basso, e quindi è molto difficile per lui a mangiare da solo” ha raccontato Barb Grodicky, una delle persone del rifugio per animali che adesso si occupa di lui, alla tv locale canadese.

cane 2
Come ha detto Barb, anche loro agli inizi non sapevano bene come fare, ma poi hanno avuto un’idea brillante: mettere quel dolce cucciolone di 7 anni su una specie di seggiolone che gli permette di stare in posizione eretta e, poi, imboccarlo. In questo modo, infatti, il cibo gli scivola giù e il cane digerisce perfettamente. Ora a Mickey ci vogliono circa 15 minuti per un pasto completo, preparato con un po’ di carne, purè di zucca e, a volte, anche qualche crocchetta. Per il resto è un 4 zampe normalissimo che corre, gioca, dà e cerca affetto proprio come tutti gli altri. Così, torniamo alla domanda all’inizio del nostro articolo: possibile che il modo “particolare” di mangiare possa far si che un cane non trovi una casa e una famiglia che gli voglia bene? Purtroppo per Mickey è così, ma speriamo che il vento cambi in fretta.

Foto by Facebook