Gatti: arriva il primo telefono cellulare per sapere sempre dove sono

Uno smartphone per gatti. E’ questa l’originale idea di un’azienda francese, la Weenect, che ha deciso di sviluppare un singolare telefono cellulare per i mici domestici. Ovviamente, l’accessorio non è concepito per mandare sms o telefonare, ma è dotato di un dispositivo Gps che ha accesso alla rete cellulare, affinché il felino possa essere sempre localizzato. Il device si compone proprio di un piccolo box, dotato di microfono, altoparlante, antenna Gps e batterie, a cui può essere associato un numero telefonico.

Il tutto per un peso complessivo di soli 25 grammi, il che gli permette di essere agganciato a un collare (di quelli con la chiusura anti soffocamento) o a una pettorina dell’animale, senza generare troppo disturbo. Insomma, se il felino dovesse allontanarsi troppo da casa e non tornare “in tempo per la cena”, come scrive anche il sito Green Style, basterà chiamarlo per poter ascoltare i rumori ambientali del posto in cui si trova in quel momento. Nel frattempo, si potrà aprire l’apposita applicazione sul proprio smartphone e verificare su mappa la posizione esatta dell’animale, qualora si trovasse in una zona di copertura del segnale Gps.

BUDDY, IL COLLARE PER CANI CHE CONTROLLA LA SUA SALUTE

Il servizio prevede anche di ottenere la posizione del gatto sfruttando la fotocamera del proprio smartphone. E non è tutto: a quanto pare, Weenect offre un nugolo ben nutrito di funzioni aggiuntive, tra cui la possibilità di stabilire delle zone note (come la casa dei vicini, giardini pubblici e qualsiasi altra area spesso frequentata) per riceve notifiche sullo smartphone ogni volta che l’animale entra o abbandona i perimetri prestabiliti. Il cellulare per gatti è in vendita online a circa 93 dollari (circa 82 euro), a cui però va aggiunto la speciale Sim nelle due configurazioni da 27 dollari, per una durata di 6 mesi, oppure 34 (29 euro) per un anno. La Weenect, inoltre, ha creato lo stesso tipo di dispositivo anche per cani, bambini e anziani. Sarà un’idea vincente?

Foto by Facebook