Cani, arriva il freddo: un piccolo vademecum per evitare i malanni di stagione

La pioggia e i primi freddi sono arrivati in quasi tutte le città d’Italia e, con loro, sono tornate anche le tante domande dei proprietari di cani: “posso portare il mio peloso a spasso anche se piove?“, “devo acquistare un cappottino?“, “quando le temperature si fanno più rigide è meglio cambiare la sua alimentazione?“. A questi e altri quesiti ha risposto Debora Carrara, educatrice cinofila del Centro Cinofilo Padovano, tra le pagine del Corriere del Veneto, realizzando un piccolo decalogo di “buone norme” per superare la stagione senza problemi. Eccolo.

Numero uno: per prima cosa, va detto che a differenza di noi, i 4 zampe non temono la pioggia e che l’attività fisica non va mai fatta mancare ai cani che devono comunque poter uscire a passeggiare. Nel caso in cui capitassero diversi giorni di pioggia continua, si possono comunque organizzare giochi in casa, come il classico “nascondi la palla”. Numero due: il freddo piace ai cani, che sono più invogliati a correre e giocare. Una bella corsa al parco è quindi sempre consigliata.

Tre: cappottino sì o no? Con tutti i cani a pelo corto sarebbe meglio utilizzare un cappottino o un impermeabile, anche leggero, soprattutto nei giorni più freddi. Le razze con abbondante pelo, invece, possono farne a meno. Quattro: sbalzi di temperatura: il riscaldamento in casa non va mai tenuto troppo alto. Cinque: ricordate che potete uscire con il cane anche quando fa buio. Sei: se il cane starnutisce, non vuol dire per forza che si sia ammalato. Se invece il cane inizia a tossire o abbaia in modo diverso, allora è meglio portarlo subito dal veterinario.

GATTI E AUTUNNO: CONSIGLI SULL’ALIMENTAZIONE DA SEGUIRE

Sette: se trascurati, i malanni stagionali possono avere gravi conseguenze, come problemi cardiaci o dolori articolari cronici. Otto: se la neve o il ghiaccio feriscono i polpastrelli dei cani è bene avere sempre a portata di mano apposite creme protettive che si trovano comunemente in farmacia. Nove: se dove vivete fa molto freddo il cane, soprattutto se si muove molto, ha bisogno di un cibo un po’ più proteico del solito. Consigliatevi con il vostro veterinario di fiducia, saprà indicarvi le dosi più corrette. Dieci: in generale è bene non lavare troppo il cane, perché si rischia di alterare le proprietà naturalmente isolanti del pelo. Ma soprattutto quando fa molto freddo è meglio evitare o, al massimo, portarlo in luoghi dove lo possano asciugare perfettamente.

Foto by Facebook