Gatti Persiani: 5 cose che (quasi) nessuno sa di loro

Dotati di carattere docile e pacifico, i gatti Persiani sono molto affettuosi con i loro proprietari e per questo sono particolarmente adatti alla compagnia. Ma il suo fascino è dovuto soprattutto alla loro lunga e fluente pelliccia: sono gli unici a possedere un pelo così lungo e per questo sono considerati tra tutti gli esemplari di razza, tra i più pregiati. Ma siete sicuri di conoscere bene le caratteristiche di questi morbidi micioni e soprattutto le loro particolarità?

Per prima cosa, nonostante siano felini a tutti gli effetti, i Persiani non amano molto uscire di casa e non necessitano di grandi spazi, in quanto passano la maggior parte del giorno spostandosi flemmaticamente da una stanza all’altra e dormendo su ogni divano o poltrona che incontrano. Numero due: piuttosto “difficili” quando si tratta di alimentazione, i Persiani non mangiano mai pane e pasta, ma amano le verdure bollite come carote, spinaci, asparagi e zucchine. Gradiscono però il riso all’inglese mischiato alla carne che, comunque, deve essere presente nel piatto in quantità superiore del cereale. Anche l’acqua va cambiata loro spesso e, se quella di rubinetto è troppo calcarea, è bene preferire quella in bottiglia.

GATTI PERSIANI CHINCHILLA: I PIU’ RAFFINATI

Numero tre: il pelo di un Persiano adulto, suo punto indiscutibile di forza, arriva a misurare anche 15/20 centimetri di lunghezza e, per mantenerlo in perfetta forma, ha bisogno di essere lavato spesso. Se vive in appartamento almeno una volta ogni 2 mesi (mentre se è un micio da esposizione, anche 1 volta ogni 2 settimane). Inoltre è bene abituarlo fin da piccolo a bagnetti frequenti, in questo modo si eviteranno problemi futuri. Quattro: oggi esistono circa 200 combinazioni di colori di mantello diversi, a seconda delle pezzature e dei disegni. E anche gli occhi possono variare ci sono quelli arancio (il più intenso e brillante possibile), quelli verdi, i blu o gli impari (un occhio blu e uno arancio). Cinque: il Persiano è un gatto tardivo. La femmina raggiunge la maturità sessuale in genere dopo i 10 mesi di età e il maschio dopo l’anno. Sono mici che non fanno mai cucciolate troppo numerose: di solito partoriscono solo 2 o 3 gattini alla volta.

Foto by Facebook