Arriva l’estate: piccolo vademecum per difendere gli animali dal caldo

Ci risiamo, anche quest’anno le previsioni meteo si fanno preoccupanti e sembra che quella del 2015 sarà un’estate davvero calda o, come piace dire hai meteoreologi moderni, “la più calda del secolo”. E se per gli esseri umani che vivono in città (e che non possono rinfrescarsi con un bel bagno in mare) hanno inventato le piscine e l’aria condizionata, ma come possiamo proteggere gli amici a 4 zampe dall’imminente calura? Ad aiutarci in questo senso l’Aidaa (l’Associazione italiana difesa animali e ambiente) che ha stilato un breve decalogo di consigli utili da tenere presente sia se si hanno cani, gatti o altri animali dotati di pelliccia e non solo.

Regola numero uno: non lasciate mai il vostro cucciolone solo dentro l’automobile. La temperatura interna dell’abitacolo sale rapidamente, anche se lasciate i finestrini aperti, e trasforma la vettura in un vero e proprio forno. Ricordate che, se il termometro segna 30 gradi, bastano solo 10 minuti per condannare il vostro animale a morte. Regola numero due: se vedete un animale rinchiuso da solo in un’automobile al sole, intervenite subito, cercando il padrone nelle vicinanze o le forze dell’ordine. Nel frattempo cercate di creare ombra mettendo dei giornali sul parabrezza e se possibile (usando un eventuale fessura aperta del finestrino) gettate acqua all’interno per bagnare l’animale.

Tre: assicuratevi che anche in casa gli animali abbiano sempre accesso all’ombra e acqua fresca in abbondanza. Quattro: se avete un cane, evitate le passeggiate nelle ore più torride della giornata, preferendo invece le prime ore del mattino o l’imbrunire e portare sempre con se una bottiglietta di acqua ed una ciotola. Inoltre, anche se siete allenati, evitate di far fare attività sportiva con il vostro fedele amico in quelle stesse ore. Cinque: attenzione alle scottature. In caso di giornate particolarmente calde applicate una crema solare ad alta protezione alle estremità bianche degli animali quali la punta delle orecchie prima di farli uscire sotto il sole o prima di portarli in spiaggia.

Sei: se avete un acquario, tenetelo fuori dal sole diretto e cambiate l’acqua regolarmente avendo cura di togliere le alghe che si formano. Se, invece, nel vostro giardino c’è un laghetto o una fontana con dei pesci, ricordate di riempirlo regolarmente nelle ore serali per compensare l’acqua evaporata e sostituire l’ossigeno andato perso. Sette: anche canarini e criceti non vanno mai lasciati sotto il sole diretto. Anzi, le loro gabbiette o gli eventuali recinti devono essere posizionati in un luogo fresco e ben arieggiato.

Otto: con le alte temperature dovete porre maggiore attenzione anche a pulci e zecche. Controllate quindi regolarmente il pelo del vostro amico a 4 zampe per verificarne la presenza e non scordate di applicare preventivamente un antiparassitario. Nove: tenete ben pulito e disinfettato con prodotti non nocivi per l’animale i luoghi dove vive. Dieci: se il vostro animale da compagnia è sovrappeso, per lui il caldo potrebbe essere un problema in più. Prima di cambiargli alimentazione, però, consultate il vostro veterinario di fiducia. Facendo di testa vostra potreste peggiorare la situazione.

Foto by Facebook