Chef Rubio: “Non potrei mai stare con una donna che non ama gli animali”

Si chiama Gabriele Rubini, ma ormai per tutti è semplicemente Chef Rubio, ex rugbista, ora cuoco e conduttore tv di successo grazie a Unti e bisunti, la trasmissione del canale DMax che gira l’Italia alla ricerca dei piatti più “unti e bisunti” della nostra tradizione e che, presto, debutterà con la terza edizione. Ed è durante le riprese di una puntata in Molise che noi lo abbiamo “disturbato”, non per parlare di una sua ricetta, ma della sua passione per gli animali. Perché quello che, forse, non tutti sanno è che Chef Rubio, oltre a essere uno sportivo e un gourmet (si è diplomato all’Alma, la scuola di cucina di Gualtiero Marchesi), è anche un amorevole proprietario di cani, o meglio, appena riuscirà ad avere una vita più tranquilla e sedentaria, dice, ne prenderà uno. Al momento, però, si gode quelli della sua famiglia e soprattutto William, splendido esemplare di Basset Hound.

Chef Rubio, qual è stato il primo cucciolo domestico della sua infanzia?
Si può dire che sono cresciuto in mezzo agli animali, in casa c’erano cani, gatti, ma anche ricci, papere, tartarughe: insomma tutto quello che passava per il nostro giardino. E, ovviamente, sono sempre rimasto affascinato da ogni specie, anche se devo ammettere di avere una spiccata preferenza per i cani.

E oggi ne ha uno tutto suo?
Veramente non ancora, non ho nemmeno una casa, figuriamoci se posso permettermi un cane. A parte gli scherzi, sono sempre in giro per lavoro e non sarebbe giusto prendere un animale e poi lasciarlo crescere e accudire a chissà chi. Ma sono molto affezionato ai cani della mia famiglia: i miei genitori hanno un Basset Hound, mentre mio fratello uno Staffordshire femmina, Sahnti. Certo, con il primo, William, ho un rapporto più intenso perché lo vedo più spesso quando sono a casa. Mi piace trascorrere il mio tempo libero con lui, portarlo a spasso.

Staffordshire e Basset Hound hanno caratteri completamente diversi, con quale razza si sente più a suo agio?
Non lo saprei dire, credo che un cane adulto sia il risultato di come venga cresciuto e poi non sono un patito di razze. Quando finalmente mi fermerò e ne prenderò uno mio lo farò dal canile, ci sono talmente tanti cuccioloni che aspettano solo di essere amati, non potrei comprarlo solo perché magari va di moda in quel momento.

A proposito di mode, ultimamente si parla molto dell’alimentazione vegana o vegetariana anche per gli animali. Lei che di cibo se ne intende cosa ne pensa?
Credo sia una cosa assurda e contro natura. Non si può dire di amare gli animali e poi dar loro solo cereali o verdure, i cani (ma anche i gatti) hanno bisogno di proteine, sono cacciatori, non si possono negare i loro istinti. Secondo me, chi professa queste cose e dice di farlo per amore degli animali, di animali non ne sa nulla e sarebbe meglio che non ne avesse mai. Pensate solo per un attimo cosa potrebbe accadere nutrendo magari un lupo cecoslovacco a soli vegetali: non vorrei essere poi nei panni del proprietario di quel cane.

ALMO BIBOLOTTI E IL SUO AMORE PER I CANI

Infine, ci tolga una curiosità: lei ha la fama di essere un grande seduttore, come deve essere la sua donna ideale?
Non so se ho un ideale preciso, ma una cosa la so: non potrei mai stare con una donna che non ama gli animali, questo è certo.

Foto by Ufficio Stampa