Siete tristi o felici? Uno studio dimostra che i vostri cani se ne accorgono al primo sguardo

Felici, tristi, arrabbiati, entusiasti. Sono i nostri volti che, secondo un recentissimo studio viennese pubblicato sulla rivista Current Biology, per gli amici cani sono come un libro aperto. “Pensiamo che i cani che abbiamo esaminato siano riusciti in questa impresa utilizzando la loro conoscenza delle espressioni dell’uomo” ha detto all’AdnKronos Corsin Müller dell’Università di medicina veterinaria di Vienna.

Altri tentativi erano stati fatti per verificare se questi animali avessero tale capacità, ma nessun risultato era apparso del tutto convincente. Nella nuova ricerca, invece, gli scienziati hanno “arruolato” diversi cani ai quali sono state mostrate fotografie di persone felici o arrabbiate. Dopo aver eseguito la stessa successione per 15 coppie di foto, le abilità discriminatorie dei cani sono state testate in 4 tipi di prove in cui venivano mostrati in diversi momenti e modalità, volti nuovi o già conosciuti dagli animali nella prima parte del test. Ebbene, gli animali sono stati in grado di selezionare il volto arrabbiato o felice più spesso di quanto ci si aspetterebbe, in ogni parte dello studio.

Cosa esattamente significhi per il cane è difficile da dire, ma è probabile che i nostri amici pelosi associno un volto sorridente a un significato positivo e un’espressione facciale arrabbiata a un significato negativo. E questo perché, spiegano gli scienziati, i cani sono risultati più lenti a imparare ad associare un volto arrabbiato a una ricompensa, suggerendo che avevano già assimilato l’idea, sulla base di precedenti esperienze, che è meglio stare alla larga dalle persone accigliate.

Insomma, gli studiosi hanno confermato quello che tanti padroni già sapevano: i quattro zampe sono capaci di distinguere tra una faccia umana serena e una crucciata e, soprattutto, preferiscono la prima. Per questo, quando vi rivolgete al vostro inseparabile compagno per insegnargli un comando anche semplice, ricordate che è bene farlo sempre con il sorriso. Sarà più semplice per lui imparare e per voi educare.

Foto by Facebook

Commenti

comments