Odiate zecche: come individuarle e toglierle senza causare danni al cane

Le zecche sono un vero incubo per i cani e i loro padroni: molto spesso dopo una passeggiata nel parco, ci si ritrova a controllare il pelo del proprio animale alla ricerca di questi fastidiosi parassiti che si annidano nell’erba alta in attesa di una preda. Le zecche si attaccano alla pelle del povero animale e iniziano a succhiarne il sangue, attività che può durare anche diverse ore al giorno: infatti non si staccano da sole ma bisogna individuarle e toglierle manualmente.

Odiate zecche: come individuarle e toglierle senza causare danni al cane

PERCHE’ I GATTI LECCANO LE MANI?

Le zecche possono essere pericolose per l’animale, è bene quindi controllare sempre la cute del cane per individuare subito l’eventuale parassita è toglierlo. Solitamente, i sintomi di un’infezione da zecca comprendono febbre, spossatezza, anemia. Se notate questi sintomi nel vostro amico animale portatelo subito dal veterinario che provvederà a controllarlo e a rimuovere l’eventuale zecca. Se invece volete togliere immediatamente il parassita dal vostro cane dovete procedere in maniera metodica e facendo molta attenzione.

Per prima cosa perlustrate il corpo dell’animale, soprattutto le orecchie, il dorso, il collo, le pieghe delle pelle; la zecca può essere minuscola e difficilmente visibile, conviene quindi fare attenzione e controllare bene. Durante questa operazione usate dei guanti di lattice. Una volta trovato il parassita rimuovetelo utilizzando una pinzetta o un apposito strumento per la rimozione delle zecche: togliete la zecca con un gesto deciso, senza torsioni o movimenti che possano causare la sua rottura. Non utilizzate alcool o altro per cercare di addormentare il parassita: l’unico modo per farli desistere e staccarli è lasciarli finire il loro pasto, a discapito del cane. Una volta tolta lavate il cane con acqua e sapone e osservatelo nei giorni successivi: se la cute non torna chiara è meglio portarlo dal veterinario per escludere infezioni.

Photo y Facebook