GattiRazze

Maine Coon, il “Gatto Gigante” con la coda da procione

È detto il Gigante d’America, soprannome che racchiude aspetto ed origine di questo splendido gatto. Arriva dalle foreste del nord del continente, precisamente proprio da Maine (la Nuova Inghilterra). Grandi orecchie e pelo semilungo per resistere a climi rigidi, una coda folta che ricorda quella di un procione (in inglese “Racoon” che ritorna nella crasi del suo nome). Carattere docile, perfetto per la convivenza nelle case. Le sue origini si perdono tra leggende e dicerie. C’è chi lo fa risalire agli sbarchi dei Vichinghi sulle Isole di Terranova nell‘anno mille, chi lo fa risalire al periodo della colonizzazione americana. Quel che è sicuro che il Maine Coon inizia a diffondersi nel corso nel 1800. Alla prima esposizione felina di New York nel 1860 è la razza più rappresentata. Viene invece riconosciuto come razza ufficiale nel 1967 dal Canandian Cat Association.

Temperamento: Perfetto per la compagnia dei bambini. Non lasciatevi ingannare dal suo aspetto, in realtà il Maine Coon è un gatto incredibilmente docile ed affettuoso. Il suo carattere giocherellone lo rende prettamente domestico. Paziente e tollerante anche nella convivenza con i cani.

Aspetto: Il Gatto Gigante può avere un peso che arriva fino a 7 kg nelle femmine e addirittura sfiora i 15 kg negli esemplari maschili. Le dimensioni sono già chiare dal nome, cui si aggiunge un pelo foltissimo e un mantello lucido ed impermeabile. I colori variano anche in forme particolari (tigrate, a pallini, marmoree) secondo sfumature che escludono soltanto il chocolate, la cannella, il lilac, il fawn e il color point.

Prezzo: Si aggira intorno ai 1300 euro per lo standard di razza. In caso contrario viene a costare qualcosa in meno (appena sotto i 1000 euro).

Curiosità: Portamento fiero e maestoso, aspetto imponente. Eppure a sentirlo miagolare nessuno si aspetterebbe mai di ascoltare un “cucciolo“.  Estremamente loquace, emette una grande varietà di “trilli”, vocalizzi flebili e quasi sussurrati.

Foto by Facebook

Back to top button
Privacy