Airedale Terrier, un compagno esuberante e dal cuore grande

L’Airedale Terrier è un cane di grande personalità, unanimemente considerato il “re dei Terrier“. È originario della Gran Bretagna e precisamente della valle dell’Aire, da cui deriva il nome, situata nella regione del West Riding nello Yorkshire. Ignota resta invece l’epoca di origine, poiché le prime notizie certe ed attendibili risalgono soltanto alla fine dell’Ottocento. Pare infatti che venne selezionato nel secolo scorso dai pescatori della zona per la caccia alla lontra, all’orso, al cinghiale, al cervo e al lupo. Sicuramente, in principio, questa razza veniva allevata anche per la caccia ai ratti, la cui presenza affliggeva sia le grandi città che le campagne.

Airedale Terrier, un compagno esuberante e dal cuore grande

Temperamento:

L’Airedale Terrier ha un temperamento energico, curioso, esuberante, avventuroso e rumoroso. È un cane che ricerca le attenzioni del padrone e fa di tutto per ottenerle, tanto da spingersi a fare il “comico” pur di riuscirci. È estremamente intelligente e possiede un’indole indipendente che lo porta a non ubbidire immediatamente al richiamo del padrone. Si comporta come un cucciolo fino a circa due anni di età e si diverte a distruggere libri, giornali, tappeti e mobili, rubare oggetti e anche cibo. Per la sua indole di cacciatore ama scavare buche nel terreno ed inseguire piccoli animali. Per tale ragione non è molto affidabile con i gatti, a meno che (ma non ci sono garanzie) non siano cresciuti insieme. Anche con gli altri cani potrebbe avere un atteggiamento aggressivo. Per ridurre la sua “esuberanza” e porre un freno ai comportamenti scorretti è imperativo far fare all’Airedale esercizio fisico quotidiano.

Airedale Terrier

Nonostante la vivacità, resta comunque un cane leale, protettivo e affettuoso nei confronti del padrone. Possiede anche ottime doti di cane da guardia. L’Airedale va molto d’accordo con i bambini ma, proprio per la troppa esuberanza, gli allevatori lo sconsigliano in presenza di bambini troppo piccoli, poiché questi potrebbero rischiare di rimanere involontariamente feriti. Difficilmente un Airedale si lamenta per il dolore e per questo i padroni vengono invitati ad avere un occhio vigile sulla sua salute.

Impiego: L’Airedale Terrier è sicuramente un animale da compagnia grazie proprio al suo carattere gioviale, leale, affettuoso e molto attaccato alla famiglia. Inoltre, come sopra si è detto, è anche un ottimo cane da guardia.

Lo standard di razza:

Mantello: l’Airedale Terrier possiede un pelo duro, molto fitto e ruvido, dritto e aderente al corpo e alle zampe. Il sottopelo invece è corto e morbido. Richiede periodicamente uno speciale tipo di toelettatura chiamata “stripping”.

Colori ammessi: nero o brizzolato (grigio scuro) dall’attaccatura del collo e fino alla cima anteriore della coda; tutto il resto deve essere di colore marrone rossiccio. Le orecchie, il collo e i lati del cranio possono avere delle focature più scure. Sono inoltre accettati alcuni peli bianchi tra le zampe anteriori.

Taglia: è un cane di media taglia, il cui aspetto generale risulta essere muscoloso, raccolto e con una struttura solidissima. È anche molto proporzionato fisicamente e tra i terrier risulta essere il più grande.

Altezza: l’altezza al garrese è per i maschi compresa tra 58,4 e 60,9 cm., mentre per le femmine tra 55,8 e 58,4 cm.

Airedale Terrier cuccioli

Caratteristiche fisiche: l’Airedale possiede un cranio lungo e piatto, non eccessivamente largo fra le orecchie, che si restringe leggermente all’altezza degli occhi. Il cranio non deve presentare rughe, e non deve essere eccessivamente lungo, deve inoltre avere lo stop leggero, appena percettibile. Le guance sono asciutte e prive di rotondità.Il muso deve essere pieno sotto agli occhi, ma non piatto e cadente e con labbra aderenti.Le mascelle superiori ed inferiori devono essere profonde, forti, potenti e muscolose con denti regolarmente allineati, forti, completi nel numero e nello sviluppo. La chiusura deve essere a forbice con i denti superiori che sovrastano quelli inferiori. È accettata anche la chiusura a tenaglia.

Mentre non sono accettate la chiusura prognata, o prognatismo (difetto di chiusura dei denti: la mandibola si presenta spostata in avanti, è sporgente) e l’enognatismo (difetto di chiusura dei denti causato dal carente sviluppo dela mandibola: praticamente gli incisivi inferiori si chiudono sul palato).

Gli occhi devono essere piccoli, di colore scuro, non sporgenti, molto espressivi e devono trasmettere attenzione ed intelligenza. Gli occhi chiari sono altamente indesiderati. Il tartufo deve essere largo e di colore nero. Le orecchie devono avere la forma di una V, portate lateralmente. Di forma piccola e ben proporzionate alla taglia del cane. Inoltre la piega delle orecchie deve essere leggermente al di sopra della linea del cranio. Se le orecchie sono pendenti o sono portate troppo alte risultano indesiderate.

Il collo deve risultare muscoloso, di moderata grossezza e lunghezza e deve gradualmente allargarsi fra le spalle. Sul collo non deve essere presente la giogaia. Gli arti anteriori devono essere perfettamente dritti e con una buona ossatura, La spalla deve presentarsi lunga, inclinata obliquamente e bene all’indietro. Le scapole devono essere piatte. Il gomito deve essere perpendicolare al corpo e libero nel movimento. Gli arti posteriori devono avere femori lunghi e potenti con ginocchia ben piegate, ma mai girate verso l’interno o verso l’esterno. I garretti, osservati da dietro, devono essere corti e paralleli. Il tronco deve presentare un dorso corto, dritto, forte e parallelo al suolo e senza segni di rilassamento.

I lombi devono essere muscolosi e le costole ben cerchiate: tali caratteristiche sono ben visibili in cani corti di tronco, che presentano anche un piccolo spazio fra costole e bacino, mentre nei lunghi appare una certa rilassatezza. Il torace deve essere profondo e disceso all’altezza del gomito, ma non deve essere largo. La muscolatura deve essere evidente e di eccellente sviluppo in tutto il corpo.

I piedi devono presentarsi piccoli, rotondi e ben compatti. Devono inoltre possedere un buono spessore della suola con cuscinetti plantari ben sviluppati e dita moderatamente arcuate, ma mai voltate verso l’esterno o all’indietro.

La coda deve avere l’attaccatura alta e non deve essere arricciata o appoggiata sulla schiena. Inoltre deve possedere una buona grandezza e sostanza. La punta deve in genere essere alla stessa altezza della cima del cranio. Durante il movimento l’Airedale Terrier deve portare le zampe anteriori parallele ai fianchi e con movimento libero, mentre è dalle zampe posteriori che arriva la potenza propulsiva. Inoltre i piedi durante il movimento dovrebbero avere la stessa distanza dei gomiti.

Difetti: ogni discordanza con quanto sopra specificato è considerata un difetto. Naturalmente più la discordanza è grande più il difetto è serio. In particolare, sono considerati difetti il movimento scorretto, gli assi cranio­facciali divergenti o convergenti; la mascella deviata, la linea superiore ceduta, l’orecchio pendulo, il monorchidismo (inesistenza di un testicolo) e il criptorchidismo (uno o tutti e due i testicoli sono presenti, ma non hanno terminato la loro migrazione nello scroto: ciò si verifica intorno ai 4 mesi di età), il mantello arricciato, il posteriore scorretto, il vaccinismo, gli appiombi scorretti, la mancanza di premolari, ecc.

Airedale Terrier

Curiosità: l’Airedale Terrier fu il primo cane ad essere reclutato dall’esercito britannico durante la prima guerra mondiale, come messaggero nelle trincee delle Fiandre, dietro le linee nemiche. Venne altresì utilizzato come cane da ricerca in Canada, Africa e India e come cane­aiuto della Croce Rossa per la ricerca dei feriti sui campi di battaglia durante le successive guerre. Risulta inoltre che un Airdale Terrier, di nome Jack, venne addirittura decorato alla memoria per il valore dimostrato durante una battaglia: si narra infatti che il “povero” cagnolino arrivò al quartier generale, dopo aver attraversato il fuoco nemico, con una mascella rotta e una gamba malamente ferita, e subito dopo aver consegnato il messaggio nascosto nel suo collare al destinatario cadde morto.