La scienza lo conferma: i cani comunicano con le espressioni del muso

Secondo un recente studio eseguito dai ricercatori dell’università di Portsmouth i nostri amici a quattro zampe comunicano con i loro padroni attraverso delle espressioni del muso ben precise: nessun movimento involontario ma vere e proprie mimiche facciali per far sapere come si sentono.

Sembra incredibile e invece un recente studio realizzato dai ricercatori dell’università di Portsmouth ha confermato quello che già si pensava da un po’: i cani comunicano attraverso le loro espressioni del muso. Quelle che vediamo formarsi non sono dei semplici involontari movimenti ma delle espressioni facciali vere e proprie che i nostri amici a quattro zampe assumono quando sono osservati dai loro padroni.

I ricercatori hanno dimostrato che, forse in virtù del processo di addomesticamento avvenuto nel corso dei secoli, l’animale quando viene osservato risponde all’attenzione umana cambiano la propria espressione. Nello studio, in particolare, sono state osservate 24 razze diverse tutte collocate a un metro di distanza da una persona: a secondo che questa si trovasse distratta, di spalle o di fronte, l’animale reagiva in maniere differente. La risposta maggiore si ha quando il cane è osservato dall’uomo e non come si pensava quando si trova in corrispondenza di cibo: questo cambia l’opinione che si è conservata fino ad ora, affermando che il cane cerca di comunicare con l’uomo soprattutto quando questo gli riserva un grado alto di attenzione.

La comunicazione non verbale è comune a molti mammiferi anche se per molto tempo si è pensato che gli animali non fossero capaci di definire la propria mimica facciale. Questo studio ribalta le precedenti credenze, dimostrando che le espressioni del muso dei nostri amici a quattro zampe non sono semplici movimenti involontari ma un modo per comunicare il loro stato d’animo. La scienza lo ha confermato: per capire se il nostro amico è felice oppure triste, basta guardare il suo musetto e interpretare la sua espressione.

Photo Credits Facebook

Commenti

comments