Allarme ragni giganti: cosa fare se ne trovate uno in casa

C’è una specie di ragni giganti che si sta diffondendo nel nostro Belpaese. Ecco cosa fare se ne trovate uno in casa

Sarà capitato anche a voi utenti della Rete imbattervi in foto di ragni giganti attaccati alle pareti delle nostre case o alle tende. Solo la scorsa settimana, in alcuni dei gruppi che chi scrive frequenta su Facebook, è capitato almeno in tre diverse occasioni. Ma come mai questo accade e, soprattutto, c’è un qualche pericolo a incappare in queste creature? Per rispondere alla domanda ci siamo documentati. Ecco cosa abbiamo scoperto.

I ragni giganti hanno invaso il nostro Paese

Secondo alcune ricerche, sembra che effettivamente il 2017 sia stato l’anno che ha visto incrementare questi ragni, chiamati tegenarie domestiche, nelle nostre abitazioni. Questi particolari aracnidi hanno corpi allungati un po’ appiattiti sul cefalotorace e l’addome dritto. La dimensione del corpo è di 7,5-11,5 millimetri nelle femmine e 6–9 millimetri nei maschi. La colorazione varia da arancione scuro a marrone, beige e grigiastro. Una caratteristica comune sono le zampe a righe, e due strisce longitudinali opache e nere sul cefalotorace. L’addome è screziato di marrone, beige e grigio ed ha un motivo gallonato che corre longitudinalmente lungo la sua parte superiore.

Perché si sono diffusi?

La ragione della loro diffusione è il clima, umido e caldo. Soprattutto alla fine dell’estate (che in questo particolare momento storico sembra non voglia mai finire, ndr.) le tegenarie si introducono nelle abitazioni per cercare riparo. Va detto che, fortunatamente, i morsi di questo ragno non sono velenosi, ma sicuramente sono piuttosto dolorosi. Per questo, il consiglio migliore che possiamo darvi è cercare di farli uscire, magari catturandoli con un bicchiere rovesciato e un foglio di carta, prima che per lo spavento possano mordere voi, i vosti bambini o i vostri pelosi. Quindi, occhi aperti e prudenza.

Photo Credits Facebook

Commenti

comments