Chow Chow: scheda del cane cinese

Tra le razze più antiche e in un certo senso anche misteriose, il Chow Chow è uno dei cani più
affascinanti e particolari. Ma qual è la sua sua storia? E quali sono le sue caratteristiche? Ve lo
spieghiamo noi

Se c’è un cane sicuramente riconoscibile per il suo particolare aspetto, quello è senza dubbio il
Chow Chow, conosciuto anche con il nome di cane cinese per via della sua provenienza. Animale
dalle origini antichissime
, è un ottimo cane da guardia oltre che molto riservato, ma allo stesso
tempo leale e affettuoso con il proprio proprietario.

La storia del Chow Chow

Essendo una delle razze più antiche, non è facile risalire all’etimologia del nome. Si presume, però,
che Chow Chow deriva del termine “chaou” o “tchaou”, definizione con i quali si indicavano i
commercianti cinesi che si recavano in Europa per vendere la loro merce
. In Cina diventa
particolare circa 2000 anni fa, mentre i primi esemplari furono introdotti nel Vecchio Continente, e
precisamente in Inghilterra, nel 1780 da mercanti cinesi. In patria, il cane era particolarmente
apprezzato dagli imperatori per la sua grande forza e per le sue grandi doti nel fiuto
. Proprio grazie
a queste caratteristiche fu spesso utilizzato come cane da guardia, da caccia, ma anche da tiro al
carretto
.

Caratteristiche e comportamento

Dall’aspetto leonino, il Chow Chow è un cane molto tranquillo e al tempo stesso superbo. Dal
carattere riservato e indipendente, grazie alle sue doti è un eccellente cane da guardia. L’animale si
adatta senza alcun problema alla vita in appartamento ed è anche un ottimo compagno per la
famiglia, anche se non si tratta di una razza particolarmente adatta ai bambini. Proprio per la sua
riservatezza, abbaia molto poco e mai a sproposito e non socializza molto con i suoi simili, senza
rendersi, però aggressivo
. Dal pelo sia lungo che corto e dall’andatura “a pendolo”, il Chow Chow
ha bisogno di movimento quotidiano e necessita di una pulizia e cura del pelo molto frequente.

Photo Credits Facebook

Commenti

comments