“L’esperto risponde” – Salmonellosi cane e gatto: sintomi e cura

Nella rubrica settimanale di Velvet Pets dedicata alla salute degli amici a 4 zampe questa settimana parleremo della salmonellosi nel cane e nel gatto.

La salmonellosi è un’infezione dell’apparato gastrointestinale provocata da agenti patogeni appartenenti alla famiglia delle Enterobacteriaceae, del genere Salmonella. Questa malattia può colpire sia cani che gatti, in particolare i cuccioli prematuri e le femmine in gravidanza.

VIE DI TRASMISSIONE

Questa malattia si trasmette per via oro-fecale o attraverso l’ingestione di cibi contaminati, soprattutto crudi o poco cotti o di acqua non potabile o attraverso il contatto con escrementi di altri animali infetti. Una volta che l’animale ha ingerito gli agenti patogeni della salmonellosi, questi entrano in contatto con l’intestino, riuscendo a sopraffare la flora intestinale e scatenando i sintomi.

SINTOMI

I sintomi possono iniziare circa 12 ore dopo l’ingestione dei batteri e, tra quelli più comunemente osservati, vi possono essere:

  • Dolore addominale
  • Diarrea acuta e cronica (con o senza sangue)
  • Vomito
  • Disidratazione
  • Letargia
  • Debolezza
  • Perdita di peso
  • Ingrossamento dei linfonodi
  • Febbre alta
  • Shock

Il cane o il gatto affetto dalla salmonellosi può morire di setticemia se il ceppo del batterio è particolarmente aggressivo e se la malattia non viene debellata in tempo.

DIAGNOSI

La diagnosi più comune prevede un’analisi del sangue e delle urine. Per aver un quadro diagnostico più approfondito sarà necessario effettuare:

  • Profilo biochimico
  • Screening toracico e radiografie addominali
  • Emocoltura
  • Esame colturale delle feci

CURA

In base alla gravità della sintomatologia, il veterinario valuterà se sarà necessario il ricovero dell’animale al fine di monitorare lo sviluppo della terapia. In base ai risultati dell’antibiogramma si somministrerà poi una cura antibiotica mirata. Se il cane o il gatto presenta sintomi gastrointestinali sarà necessario modificare l’alimentazione quotidiana, aggiungendo degli integratori. Gli animali affetti dalla salmonellosi sono contagiosi, pertanto dovranno essere isolati dagli altri animali.

PREVENZIONE

Per prevenire la salmonellosi è importante assicurare al cane e al gatto un ambiente costantemente disinfettato e soprattutto evitare che venga a contatto con le feci di altri animali.

“L’esperto risponde” – Salmonellosi cane e gatto: sintomi e cura

Photo Credits: Twitter

Commenti

comments