Cocorita: accoppiamento e riproduzione, cosa sapere

Vorreste veder crescere nella vostra casa dei piccoli pappagallini? La Cocorita è perfetta per voi, perché farla riprodurre è facile, anche se ci sono accortezze necessarie

Per prima cosa, anche se sembra inutile dirlo, bisogna assicurarsi che le due cocorite nella vostra gabbietta siano maschio e femmina. Non è così facile, anche perché per farlo i pappagallini devono aver raggiunto la maturità sessuale. In questo caso, i maschi avranno la parte cornea sopra al becco colorata di azzurro o blu, le femmine invece presenteranno in questa zona una colorazione marroncina o rosa. Se i pappagalli sono troppo giovani è quasi impossibile fare una distinzione di sesso.

La cocorita, due cuori e una capanna

Abbiate poi l’accortezza di far vivere i vostri piccoli amici pennuti in una gabbia piuttosto grande, in modo che siano liberi di volare per rimanere in forma e, soprattutto che trovino un ambiente adeguato, tale da farli sentire a proprio agio. Sceglietene una che abbia almeno due porte e un vassoio estraibile nella parte inferiore, così da permettervi di effettuare le pulizie quotidiane. Posizionate la gabbia, se possibile, piuttosto in alto e appesa al muro. Importante sapere che per le Cocorite la riproduzione non è tanto legata al clima, quanto alla disponibilità di cibo. In cattività, quindi, non ci sono stagioni giuste o sbagliate. La difficoltà può essere legata all’affiatamento di coppia. Per accertarsene basta osservare il comportamento: scambio di grattini e cibo, volare insieme e scambiare dialoghi fischiettanti. Infine, il maschio tenderà ad avvicinarsi spesso alla femmina e noterete che le darà come dei calcetti con la zampa.

Vietato disturbare la coppia e aiutare i piccoli

Una volta capito quando i pappagallini sono pronti, agganciate alla porticina della gabbia il nido che, poi non è altro che una cassetta di legno piuttosto profonda, con un buco circolare e un poggio. Queste cassettine generalmente hanno una porticina scorrevole alla sommità. Non apritela troppo spesso altrimenti per i pappagalli risulterà poco sicura e troppo caotica. Quando si saranno abituati alla cassetta e avranno preso confidenza, la femmina inizierà ad entrarci per “sistemarla” con piume, cibo e ramoscelli: questo significa che molto probabilmente farà le uova. Vi raccomandiamo di non disturbare in nessun modo la coppia durante la cova. Durante questo periodo va messo a disposizione cibo fresco e vario, come miscele di semi, frutta, verdura e osso di seppia, indispensabili soprattutto alla femmina. Le uova si schiuderanno nel giro di 2-3 settimane circa. E anche qui, un’avvertenza fondamentale: non aiutate in nessun modo la mamma, anche se vedrete i piccoli in difficoltà.

Photo Credits Facebook

Commenti

comments