Caldo infernale: al Bioparco di Roma piscine e ghiaccioli per gli animali [FOTO]

In questi giorni di caldo eccezionale, gli animali del Bioparco vengono supportati dallo staff per affrontare le temperature bollenti.

A soffrire il caldo terribile causato dall’anticiclone africano Lucifero non sono solo gli esseri umani, ma anche gli animali, i quali sono estremamente sensibili alle variazioni di clima e soprattutto alle temperature elevate. Per fronteggiare l’emergenza di questi giorni di caldo torrido, il Bioparco di Roma ha messo a disposizione degli animali piscine e ghiaccioli, affinché possano rinfrescarsi. I nostri animali scelgono se uscire all’aperto o rimanere nei ricoveri interni – spiega il Presidente della Fondazione Bioparco di Roma, Federico Coccìa – hanno a disposizione ampie zone d’ombra, grandi vasche dove immergersi, come per elefanti, tigri, macachi e lupi, piscine, come per gli orsi.

I lemuri catta, come gli altri primati del Bioparco, ricevono dallo staff zoologico ghiaccioli a base di frutta e canne di bambù ripiene di yogurt e frutta congelati: oltre a rinfrescarli, questi “strumenti” sono una forma di arricchimento ambientale e – conclude Coccìa – consentono agli animali di aguzzare l’ingegno per trovare il cibo. Nelle foto si vede Kasih, maschio di tigre di Sumatra, che emerge dall’acqua dopo un bagno nella piscina naturale presente nell’area, l’elefante asiatico Lakshmi che fa il bagno nel vascone, gli ippopotami pigmei trovano refrigerio in pozze d’acqua create dai guardiani.

Il Bioparco è il giardino zoologico di Roma che attualmente ospita 1144 animali di 222 specie diverse. Concepito come zoo, nel 1908 da un’organizzazione il cui scopo era quello di destinare una zona della città come esibizione di specie animali esotiche a scopo educativo, inizialmente aveva una superficie di circa 12 ettari e fu costruito nella parte settentrionale di Villa Borghese. Lo zoo fu interamente progettato da Carl Hagenbeck, all’epoca famoso addestratore, che aveva già aperto uno zoo ad Amburgo, di cui l’area del Bioparco ricalcava molto lo stile, con canali e fossati al posto delle sbarre, ed ampi spazi verdi. I lavori iniziarono il 10 maggio 1909 e furono portati a termine nell’ottobre del 1910.

Caldo infernale: al Bioparco di Roma piscine e ghiaccioli per gli animali [FOTO]

Lo zoo fu inaugurato il 5 gennaio del 1911 e il primo direttore della struttura fu lo zoologo tedesco Knottnerus-Meyer. Inizialmente gli animali presenti erano 1029 divisi in 326 specie. Negli anni la struttura si è evoluta nell’attuale Bioparco, il cui obiettivo è la conservazione della specie minacciate di estinzione attraverso azioni di sensibilizzazione, l’adesione a campagne internazionali di conservazione e a programmi europei di riproduzione in cattività. Attualmente Il Bioparco ospita circa 200 specie animali fra mammiferi, uccelli, rettili e anfibi provenienti dai 5 continenti.

Caldo infernale: al Bioparco di Roma piscine e ghiaccioli per gli animali [FOTO]

Photo Credits: Press Office Bioparco

 

Commenti

comments