Tartarughe di terra maschio o femmina: come si riconoscono

Spesso, chi possiede delle tartarughe di terra, si pone l’interrogativo di come distinguere il maschio dalla femmina. Tale distinzione è possibile, anche per l’occhio meno esperto, attraverso l’osservazione di alcune caratteristiche morfologiche.

Le tartarughe di terra sono diffuse in tutto il mondo, la più comune in Italia è la Testudo Hermanni. Sono rettili molto tranquilli e silenziosi che si affezionano ai loro proprietari e sono dunque animali domestici perfetti. Ma spesso la domanda che sorge, anche ai fini dell’accoppiamento, è: come distinguere il maschio dalla femmina? Ecco come capirlo:

GRANDEZZA

Le dimensioni rappresentano una delle differenze più evidenti tra maschio e femmina. Le femmine sono di solito più grandi dei maschi. Nel caso della Testudo Hermanni un maschio adulto misura dai 12 ai 16,5 centimetri, mentre la femmina può raggiungere i 20 centimetri.

PIASTRONE

La forma del piastrone, ossia la parte ventrale del guscio, è di grande utilità a stabilire a stabilire il sesso della tartaruga. Se è femmina il piastrone è piatto, se è maschio è concavo. Queste caratteristiche sono anche funzionali, in quanto la forma concava del maschio serve ad adattarsi meglio al carapace della femmina e nella femmina il piastrone piatto serve ad avere più spazio per le uova. In molte specie di tartarughe terrestri gli ultimi scuti del piastrone formano una “V” più aperta nel maschio rispetto alla femmina.

CODA

Nel maschio la coda è di grosse dimensioni, robusta, più lunga e appuntita di quella della femmina che è più corta e piccola. Nel maschio inoltre la coda presenta uno sperone all’estremità e la cloaca è più lontana dalla base della coda).

MUSO

Nel maschio è più allungato, mentre nella femmina è più tondeggiante.

Va ricordato, tuttavia, che queste caratteristiche morfologiche sono ben identificabili in esemplari adulti, mentre per le tartarughe giovani è quasi impossibile riuscire a distinguere il sesso. L’accoppiamento di solito avviene da aprile a giugno e a fine estate. Dopo due mesi dall’accoppiamento verranno deposte le uova, che si schiuderanno dopo tre o quattro mesi (anche dopo un anno se l’estate è fredda).

Tartarughe di terra maschio o femmina: come si riconoscono

LEGGI ANCHE TARTARUGHE DI TERRA COME SI ALLEVANO

Photo Credits: Twitter

Commenti

comments