Merlo indiano: scheda dell’uccello

Capace di imitare la voce dell’uomo, il Merlo Indiano si trova soprattutto nel sud est dell’Asia, ama il verde e può vivere fino a 30 anni

Cosa sappiamo veramente sul merlo indiano? Poco diffuso nel nostro paese e in Europa, è conosciuto anche come mainate o gracula e appartiene alla famiglia degli Sturnidi. Vive soprattutto nelle zone ai piedi delle montagne e più ricche di alberi nell’area tropicale asiatica, come l’India, lo Sri Lanka, l’Indonesia, il Pakistan e la Malesia. Sotto questo nome troviamo numerose varietà, in tutto sono 32 e tutte caratterizzate da una spiccata intelligenza. In antichità era considerato un animale sacro e in India addirittura veniva raffigurato sulla mano del Dio Rama.

Il merlo indiano è un bravo imitatore

È molto apprezzato per la sua parlantina e la sua voce: dalla tenera età è in grado di ascoltare e ripetere le parole corte che sente con frequenza, come ad esempio “ciao, ti amo, via via e aiuto”. È famoso per questa sua ottima capacità imitativa vocale, che dipende soprattutto dall’età. I migliori imitatori sono comunque gli esemplari che vivono in cattività. I più dotati sono in grado di emulare il timbro della voce umana, riproducendo diversi motivetti e ogni sorta di suono udito. Il momento della giornata in cui dare lezioni di parola al nostro amico? Il primo pomeriggio, quando è più ricettivo.

Ed è anche un buongustaio

Pur essendo una specie onnivora, si nutre in prevalenza di frutti carnosi, e non disdegna semi e insetti. Possiede un piumaggio nero brillante, testa grossa, becco robusto e coda corta. La sua lunghezza varia dai 24 e ai 39 centimetri e può arrivare a pesare fino a 250 grammi. Costruisce il suo nido nelle cavità degli alberi. In cattività vive dai 15 ai 20 anni, se tenuto bene. In rarissimi casi arriva ai 30 anni.

Photo Credits Facebook

Commenti

comments