Porta la cagnetta a tosare e la riprende morta

Un’esperienza scioccante quella vissuta da una donna residente nella provincia di Napoli che ha portato la sua cagnetta a tosare e l’ha ritrovata morta perché il veterinario, per tenerla calma durante la toelettatura, le ha somministrato un anestetico che ne ha causato il decesso.

Sgomento a Torre del Greco, in provincia di Napoli, dove una donna ha portato la sua cagnolina a tosare presso uno studio veterinario e l’ha ripresa morta. Ancora sotto shock, la proprietaria della sfortunata cagnetta ha pubblicato un disperato post su Facebook: Per una semplice tosatura mai fatta Luana ci ha lasciato. La cagnetta era agitata e spaventata forse per dove si trovava e il veterinario, invece di tranquillizzarla, l’ha subito anestetizzata, causandole un arresto cardio circolatorio. Il post ha suscitato molto scalpore e moltissimi sono stati i commenti all’accaduto, tra cui molti incitano a denunciare il dottore: Denuncia, fallo per altri pelosetti, comprendo il tuo dolore, per questo ti dico di prenderti qualche giorno e poi denuncia…. È inammissibile che si faccia un’anestesia così. Non è una cosa che si fa per una tosatura...

Un altro utente ha commentato che il veterinario avrebbe dovuto chiedere il consenso dei proprietari prima di procedere con l’anestesia, mentre c’è chi ha rimarcato che la tosatura non è una buona pratica: I cani non vanno tosati il pelo serve sia d’inverno per il freddo e d’estate per ripararlo dai raggi diretti del sole! Comunque non capisco perché si diventi veterinari quando non si amano gli animali!  E in effetti su questo aspetto vale la pena soffermarsi; infatti è un’errata convinzione pensare di tosare il cane nei mesi estivi perché potrebbe aver caldo, in quanto i cani sono homeotherms, ossia animali a sangue caldo, perché mantengono costante la temperatura del corpo anche con temperature esterne estremamente diverse.

Il mantello del cane dunque serve a proteggerlo sia dal freddo che dal caldo, con un grado di isolamento termico che aumenta con lo spessore. Privarlo del pelo dunque significa eliminare un prezioso strumento di conservazione della temperatura ed esporlo a bruciature della pelle, irritazioni, allergie o, come in questo caso estremo, a rischi ancora maggiori. È quindi, in generale, una pratica da evitare.

Porta la cagnetta a tosare e la riprende morta

LEGGI ANCHE: CANI E TOSATURA, È GIUSTO FARLA OPPURE NO?

Photo Credits: Facebook

Commenti

comments